Comune di Sant’Agata del Bianco

Patria dello scrittore Saverio Strati, il paese domina tutta la costa jonica, da Capo Spartivento a Punta Stilo. La sua fondazione risale al 1349 e fino al 1783 è stato un centro ricco e florido. Il terribile terremoto che l’ha colpita ha distrutto quasi completamente le tracce del suo passato. Tra gli elementi architettonici sopravvissuti ai ripetuti sismi, da visitare è senz’altro la Chiesa di Sant’Agata e i ruderi del Palazzo baronale di Ignazio Franco, ultimo barone di Sant’Agata, con il portale originale del 1400.
Ancora viva la a cultura delle “pezzare”, coperte rustiche realizzate con pezzi di stoffa, simbolo dell’artigianato locale.