Comune di San Luca

Situato alle pendici del massiccio aspromontano, il territorio è attraversato dalla fiumara Bonamico e ricopre una vasta area all’interno del Parco, offrendo uno dei paesaggi più caratteristici e belli dell’Aspromonte.
Di grande interesse, dal punto di vista naturalistico, sono il lago Costantino e alcune formazioni di pietra conglomerata tra le quali figurano Pietra Lunga, Pietra Castello e la monumentale Pietra Cappa, uno dei più grandi monoliti d’Europa.
Nel centro storico attuale, fondato nel 1590 dopo la distruzione del sito vecchio provocata da una frana causata dal torrente Bonamico, sono da visitare la Chiesa di Santa Maria della Pietà, di origine bizantina, ma ricostruita nel XVII secolo che custodisce una grande tela, La Deposizione della Croce del XVII secolo e le sculture lignee settecentesche di Sant’Anna e di Santa Maria della Pietà, provenienti dalla chiesa di San Sebastiano a Potamia. Nei dintorni di San Luca è possibile ammirare i ruderi dell’abbazia normanna di San Nicola di Butramo, a pianta greca triabsidata di origine bizantina. In contrada San Giorgio, a circa 10 km dall’abitato, si vedono i ruderi della chiesetta di San Giorgio, sempre di architettura bizantina. Inoltre, percorrendo una strada che si addentra nel paesaggio più tipico dell’Aspromonte per circa 15 km verso ovest, si arriva al santuario della Madonna di Polsi, centro di culto e di pellegrinaggio, la cui fondazione è legata alla leggenda di un bue che dissotterrò con le corna una croce bizantina. Al suo interno è custodita una venerata immagine della Madonna col Bambino risalente alla fine del XVI secolo.
San Luca è la terra natia di Corrado Alvaro, uno dei nomi più illustri della letteratura italiana del ‘900, autore di “Gente in Aspromonte”. Ka sua casa è stata trasformata in museo e inserito nel Parco Letterario Alvariano.