Comune di San Giorgio Morgeto

Caratteristico paese arroccato su un colle, alla sinistra del torrente Jerapotamo, che collega l’Aspromonte alle Serre. Secondo la leggenda il centro sarebbe stato fondato dal re Morgete intorno al 2350 A.C., anche se non esiste alcuna testimonianza scritta a riguardo. Quello che è certo è che il paese rappresenta oggi uno tra i più interessanti centri storici della Calabria di impianto medievale. Stretti vicoli interrotti da piccole piazze e ripide scalinate portano alla parte più alta del paese dove sorgono i ruderi del castello medievale, sorto tra il IX e il X secolo e rimasto attivo fino al XVI secolo. Il Castello di San Giorgio Morgeto’ domina ancora oggi la piana di Gioia Tauro dal mar Tirreno fino a Capo Vaticano, arricchito dallo sfondo panoramico con lo Stromboli e le isole Eolie.
Da ammirare, nel centro storico, sono alcuni edifici risalenti a diverse epoche storiche. Tra questi, il complesso conventuale dei padri domenicani, dotato di un imponente impianto architettonico. Sul fianco destro sorge la monumentale chiesa di San Domenico, impreziosita da un portale tardo rinascimentale in granito. Al centro della piazza principale del paese si trova una fontana in granito, databile al XVII secolo.
A San Giorgio Morgeto vive e si tramanda ancora l’arte dei cestai, ovvero la produzione artigianale delle ceste di castagno, come pure rinomata è la produzione di liquori e profumi. Inoltre, si producono artigianalmente formaggio, ricotta ed il pane realizzato con le macine ancora funzionanti dell’ultimo mulino ad acqua.